09 April 2015

'Passo a prenderti' RSI Rete 1 / Intrattenimento con Mario Casanova e Mario Matasci / A cura di Francesca Margiotta / Mercoledì 8 aprile 2015

'Passo a prenderti'
RSI Rete 1
Intrattenimento con Mario Casanova e Mario Matasci

A cura di Francesca Margiotta
Mercoledì 8 aprile 2015

Ph. Pier Giorgio De Pinto

Mario Matasci, Mario Casanova e Francesca Margiotta 

Francesca Margiotta, Pier Giorgio De Pinto, Mario Casanova

03 April 2015

MIA Milan Image Art Fair / 11-13 April 2015

Scorri verso il basso per la versione in italiano

The Mall, Milan | 11 -13 April, 2015

The fifth edition of the Italian art fair dedicated to photography is ready to open its doors to the 145 exhibitors expected in the new location at Porta Nuova Varesine.
In homage to Expo 2015, we are pleased to present a section on the main themes suggested by EXPO 2015.

145 booths set up with great curatorial care, two purchase awards, a broad cultural programme that includes a presentation of some great European photography festivals and specific talks inspired by the 100th anniversary of the birth of Roland Barthes; an exhibition dedicated to the invaluable photographic archives of
Giuseppe Pellizza da Volpedo and a special exhibition on artist’s book; the debut of the performance, the now traditional scouting occasions conducted by international personalities, the round table on the legal aspects that affect the world of the image. This year sees the richest and most wide-ranging edition of MIA Fair, the photography art fair conceived and directed by Fabio Castelli, which celebrates its fifth edition at The Mall, in Milan, from 11
th to 13th April.

THE FAIR – MIA Fair lands at the renewed district of Porta Nuova Varesine, a symbol of the forward-looking Milan. The Mall, a multi-functional centre nestled among the skyscrapers that have changed the city skyline, has been chosen to welcome the 145 exhibitors of the 2015 edition, with more than twenty artists in the section MIA Proposal, a unique occasion for galleries to discover new talents, and a dozen or so photography publishers from Italy and abroad. In addition to the previous years formula by which each gallery exhibits exclusively the works of one artist per booth, the Fair also focuses on the theme of EXPO 2015, for which galleries are invited to present a group show inspired by the following main themes: “Production and Planet”, “Feeding”, “Women&Expo and “Education: nourish knowledge to feed the planet”.

CULTURAL PROGRAMME La chambre claire, the extraordinary essay by Roland Barthes is the starting point and the main topic of a series of conferences organized during MIA Fair opening days.
An investigation on the image as it is perceived and experienced in contemporary life, in that tension between reality and pretence, filtered through the mass media, which Roland Barthes analysed with such extraordinary lucidity and incredible perspicacity (this was in 1980) in his La chambre claire. It is precisely this fundamental text, on the 100th anniversary of the birth of the French intellectual, that provides stimulus and comparison for the programme schedule devised by writer and essayist Gianluigi Ricuperati, cross disciplinary curator at MIA Fair and one of the most promising intellectuals of the Italian new generation, who proposes a rich calendar of meetings, debates and in-depth analyses.
MIA Fair cultural programme will also welcome interesting foreign projects in photography, such as  the creators of some of the most important festivals of Europe who will bring to the Fair their ideas, experiences and visions: Oliva Maria Rubio, artistic director of PhotoEspaña Madrid, and Krzysztof Candrowicz, founder of the International Festival of Photography in Lodz, artistic director of the Triennial of Hamburg and creator of the PhotoFestival Union network. To celebrate the first thirty years of the Musée de l’Elysée in Lausanne, one of the most important institutions in the world dealing exclusively with photography, MIA Fair will host the museum’s director, Tatyana Franck. Lastly, the heads of the MoRE Museum, a virtual museum preserving the memory of artistic projects that has never been completed will present a virtual catalogue of unrealised photographs.
Cristina Manasse is a lawyer specialized in art law and intellectual property and Joe Baio is an American art collector and lawyer. Starting with the Morel vs. AFP/Getty Images case, they will discuss some of the most famous cases of use and misappropriation of images, as well as the effect of selfies, social networks and privacy on photographic world.

PARTNERS – For the fourth consecutive year BNL BNP PARIBAS Group is the event’s Main Sponsor, confirming its interest for the development of contemporary art in Italy.
After the success of the past editions, the Bank once again will assign the “BNL BNP Paribas Group Award” to the best artist, selected by a qualified jury, among those showing their works by galleries.
The selected artwork will be acquired by the Group and will enhance the artistic heritage of the Bank which, to date, has approx. 5'000. works. Among these there are masterpieces of classical and modern art, as well as works by young contemporary talents included "NIAD, The small Crater, 2000" realized by Ohad Matalon, "Paesaggio #7" by Luigi Erba and Roberto Bernè and the work "Untitled" by Luca Gilli, winners respectively of the first, second and third “BNL BNP Paribas Group Award”.

Official Partner of MIA Fair since the first edition, in 2015 Lavazza confirms its support as Main Sponsor. Next April, MIA Fair visitors will be welcomed by the Caffè Artistico Lavazza, a unique space enriched by the exhibition of the Dutch duo Exactitudes, composed of the artists Ari Versluis and Ellie Utyttenbroek. Lavazza thus reaffirms its inseparable link with fine art photography, a universal language that represents the Company’s identity in the world, with its calendars and advertising campaigns created by the best-known artists in contemporary photography. 

My LifeStyle – a brand which embodies a new concept of living in the real estate industry – chooses MIA Fair for making its debut and for showing its innovative real estate projects: Pomaseiuno and Maestri Campionesi 16. MIA Fair will be the occasion for launching the project of supporting and enhancing the value of emerging artists in the field of contemporary art through the My LifeStyle Award, dedicated to talents participating in the MIA Proposal section. Three works will be selected by the Jury and displayed in the My LifeStyle’s booth, but the final winning artwork will be chosen by MIA Fair public through a shared selection process and acquired by My LifeStyle.

EXHIBITIONS – MIA Fair proposes two in-depth analyses accompanied by ad hoc exhibitions. One is a focus on the artist book, from the ‘70s up to today, featuring a selection of projects by artists including Olivo Barbieri, Luigi Ghirri, Paolo Gioli, Francesco Jodice, Nino Migliori, Franco Vaccari and Italo Zannier.
The other is a study on a 19th Century Italian artist who, more than any other, recognised and adopted the potential of the brand new art of photography as a tool for enriching his painting: Giuseppe Pellizza da Volpedo. The special edition of the ‘Tempo ritrovato – fotografie da non perdere’ Archives Award promoted by Eberhard & Co. and Io Donna will be hosting the exhibition ‘Pellizza da Volpedo and Photography’ featuring works from the Pellizza da Volpedo archive. Right from its first editions, the Award has introduced an important new aspect to photography competitions: that of bringing out into the light works created in the past, overriding the custom of orienting the awarding to works in progress or contemporary projects. The first and second editions of the Award, which focuses on the private archives of Italian artists who have carried out important work in all the forms of photographic language, were dedicated to the 50s and 60s respectively, and awarded the archives of Federico Garolla and Tranquillo Casiraghi. On the occasion of EXPO 2015, Eberhard & Co. and Io Donna will be celebrating one of the works identified as being iconic of the Universal Exposition – the Quarto Stato, which is housed in the Museo del Novecento of Milan; the competition dedicated to the archives of the 70s is thus postponed to MIA Fair 2016 edition. On show a rich collection of original prints that are today preserved in the archive of the artist, an invaluable legacy that has recently been restored and enhanced. The exhibition bears witness, on one hand, to the versatility and curiosity of the author of the Quarto Stato, and on the other hand to the dual nature of photography: a tool of art if not art itself.

PERFORMANCE – Making its debut in Italy, within the scope of MIA Fair, is the project Economic Body, a performance conceived and directed by Swedish choreographer Anna-mi Fredriksson for the Fluxum Foundation from Geneva. The performance represents an original attempt to portray social sciences through forms of participatory art, such as dance. It creates a non-verbal language that involves the audience in the sharing of concepts relating to subjects such as economy, politics and demography, which are often perceived as heavy, even impenetrable to the general public, making them accessible and immediate through the freshness of art.

CODICE MIA – MIA Fair continues to look to the future through CODICE MIA, a project conceived by Enrica Viganò as a highly original form of portfolio review. The artists selected by the Jury will have the opportunity to discuss their own works with:  

Joe Baio,
collector, New York, USA
Katy Barron, art advisor and curator, London, UK
Paolo Brodbeck, collector and President of the Brodbeck Foundation, Catania, Italy
Thierry Cattoir, collector, Ghent, Belgium
Giorgio Fasol, collector, Verona, Italy
Chiara Massimello, Christie's advisor and collector, Turin, Italy
Anthony E. Nicholas, collector, Los Angeles, USA
Claudio Palmigiano, collector, Milan, Italy
Dan Solomon, collector, Monarch Beach, USA
Sofia Vollmer de Maduro, collector and Director of the Alberto Vollmer Foundation, Caracas, Venezuela

The jury will award the best portfolio and the winner will have the chance to exhibit at MIA Fair 2016 edition.

Milan, February 2015

MIA – Milan Image Art Fair
Friday 10 April: Opening (upon Invitation) 
Saturday 11 April: 11 am – 9 pm
Sunday 12 April: 11 am – 8 pm
Monday 13 April: 11 am  – 7 pm

The Mall -  Porta Nuova
Piazza Lina Bo Bardi 1, Milan
Viale della Liberazione corner Via Galileo Galilei
Yellow Line M3 Repubblica

MIA Fair Office
Via San Vincenzo 22 – 20123 Milan
Tel. / Fax +39 02 83241412

Press Office
CLP Public Relations – Francesco Sala, tel. +39 02 36755700

Milano, The Mall  | Dall’11 al 13 aprile 2015

Dedica una sezione ai temi suggeriti da Expo la quinta edizione della fiera italiana
dedicata alla fotografia d’arte. Con 145 espositori attesi nella nuova location di Porta Nuova.

145 stand allestiti con attenzione curatoriale, due premi acquisto, un programma culturale che spazia dal confronto con i grandi festival europei di fotografia ai talk ispirati dal centenario della nascita di Roland Barthes; una mostra dedicata al prezioso archivio fotografico di Giuseppe Pellizza da Volpedo ed un’altra rivolta al libro d’artista. Il debutto della performance, gli ormai tradizionali momenti di scouting condotti da personalità di livello internazionale, gli incontri sul delicato tema degli aspetti legali che toccano il mondo dell’immagine e un focus dedicato a Expo 2015. Mai così ricca e poliedrica MIA Fair, fiera dedicata alla fotografia ideata e diretta da Fabio Castelli, in scena con la sua quinta edizione a Milano, nella cornice di The Mall (Porta Nuova), dall’11 al 13 aprile.

LA FIERA – MIA Fair sbarca nel rinnovato quartiere di Porta Nuova Varesine, simbolo della Milano che guarda al futuro. È The Mall, centro polifunzionale tra i grattacieli che hanno cambiato lo skyline della città, ad accogliere i 145 espositori dell’edizione 2015, tra i quali sono una ventina quelli appartenenti alla sezione Proposta MIA, con fotografi indipendenti che si presentano senza il supporto di una galleria; mentre sono una decina gli editori di settore in arrivo dall’Italia e dall’estero. Alla consueta formula che vede ogni galleria esibire la monografica di un suo artista, si accompagna la sezione dedicata al tema di EXPO 2015, con più fotografi per ogni stand, accomunati da un percorso dallo spiccato gusto curatoriale.

PROGRAMMA CULTURALE – Un momento di riflessione ad ampio spettro sull’immagine, così come essa viene percepita e vissuta nella contemporaneità. In quella tensione tra realtà e finzione filtrata attraverso i mass media che Roland Barthes analizzò con straordinaria lucidità e incredibile lungimiranza (era il 1980) con il suo La camera chiara. È proprio da questo testo fondamentale, nel centesimo anniversario dalla nascita dell’intellettuale francese, che prende le proprie mosse il palinsesto tessuto da Gianluigi Ricuperati, scrittore e saggista, tra gli intellettuali più interessanti di nuova generazione, che propone nella cornice di MIA Fair un ricco calendario di incontri, dibattiti, approfondimenti.
Il programma culturale di MIA Fair vive anche del dialogo con le più interessanti realtà estere dedicate alla fotografia. Portano il proprio contributo di idee, esperienze e visioni sul futuro gli ideatori di alcuni tra i festival più importanti d’Europa: Oliva Maria Rubio, direttore artistico di PhotoEspaña Madrid e Krzysztof Candrowicz, già direttore dell’International Festival of Photography di Lodz e direttore artistico della Triennale di Amburgo, ideatore del network PhotoFestival Union. Per festeggiare i primi trent’anni di attività del Musée de l’Elysée di Losanna, tra le istituzioni esclusivamente rivolte alla fotografia più importanti al mondo, è ospite di MIA Fair la sua direttrice Tatyana Franck; i responsabili del MoRE Museum, museo virtuale che conserva la memoria di progetti d’artista che non hanno mai trovato compimento, presentano infine un ideale catalogo di scatti inespressi.
Cristina Manasse, avvocato esperta in proprietà intellettuale e diritto dell’arte, e Joe Baio, collezionista e avvocato a New York, iniziando dall’emblematico caso Morel vs. AFP/Getty Images, commenteranno alcuni casi famosi relativi all’uso ed indebita appropriazione di immagini nonché la rilevanza di selfies, social networks e privacy sul mondo delle immagini fotografiche.

PARTNER – Per il quarto anno consecutivo BNL Gruppo BNP Paribas è Main Sponsor della manifestazione, continuando così a rafforzare il proprio interesse per lo sviluppo dell’arte contemporanea in Italia. Dopo il successo della formula sperimentata nelle scorse edizioni, l’istituto di credito promuove anche nel 2015 il
Premio BNL Gruppo BNP Paribas, un riconoscimento concreto attribuito – da una giuria di eccellenza – al miglior artista tra quelli che presenteranno i propri lavori tramite le gallerie d’arte. L’opera selezionata sarà acquisita da BNL ed entrerà a far parte della collezione artistica della Banca che, ad oggi, vanta circa 5’000 opere, tra cui spiccano capolavori dell’arte classica e moderna, nonché opere di giovani talenti contemporanei. Tra queste ultime “Niad, The small Crater, 2000” di Ohad Matalon, “Paesaggio #7” di Luigi Erba e Roberto Bernè e “Untitled” di Luca Gilli, vincitrici rispettivamente della prima, seconda e terza edizione del Premio BNL Gruppo BNP Paribas.

Partner ufficiale di MIA Fair sin dalla prima edizione, per il 2015 Lavazza riconferma la presenza nella sua veste di Main Sponsor. I visitatori di MIA Fair saranno accolti dal Caffè Artistico Lavazza che ospiterà una mostra fotografica del duo olandese Exactitudes, composto da Ari Versluis e Ellie Utyttenbroek. Lavazza riafferma così il legame inscindibile con la fotografia d’autore, un linguaggio universale che rappresenta nel mondo l’identità dell’Azienda, con i propri calendari e le campagne pubblicitarie realizzati dai più celebrati artisti della fotografia contemporanea.

My LifeStyle – nuovo brand del real estate che cambia il modo di concepire l’abitare – sceglie MIA Fair per presentarsi in anteprima, per far conoscere gli innovativi progetti immobiliari di Pomaseiuno e Maestri Campionesi 16 e per avviare un percorso volto a sostenere nel tempo e a valorizzare artisti emergenti nel campo dell’arte contemporanea. Nasce così il Premio My Lifestyle, dedicato ai giovani talenti della sezione Proposta MIA, con tre opere selezionate ed esposte nello stand dell’azienda. Il vincitore verrà indicato dal pubblico della fiera stessa, coinvolto in un processo di condivisione e partecipazione. 

LE MOSTRE – Due gli approfondimenti proposti da MIA Fair con mostre ad hoc. Da un lato il focus sul libro d’artista dagli Anni Settanta ad oggi, con la selezione di progetti firmati, tra gli altri, da Olivo Barbieri, Luigi Ghirri, Paolo Gioli, Francesco Jodice, Nino Migliori, Franco Vaccari, Italo Zannier.
Dall’altro l’indagine su uno tra gli artisti dell’Ottocento italiano che più di ogni altro ha riconosciuto e fatto proprie le potenzialità della nascente arte della fotografia come strumento per arricchire la sua pittura: Giuseppe Pellizza da Volpedo. Sarà un’edizione speciale del Premio Archivi “Tempo ritrovato – fotografie da non perdere” supportato da Eberhard & Co. e Io Donna ad ospitare la mostra “Pellizza da Volpedo e la Fotografia” con opere provenienti dall’Archivio Pellizza da Volpedo. Sin dalla sua prima edizione il Premio ha introdotto un’importante novità nella storia dei premi fotografici: quella di portare alla luce opere realizzate nel passato, scalfendo la consuetudine dei premi destinati a lavori in progress o a progetti contemporanei. La prima e la seconda edizione del premio, rivolto agli archivi privati di autori italiani che hanno svolto un importante lavoro in tutte le forme del linguaggio fotografico, sono state dedicate rispettivamente agli anni ’50 e ’60 premiando gli archivi di Federico Garolla e Tranquillo Casiraghi. In occasione di Expo, Eberhard & Co. e Io Donna celebreranno una delle opere identificate come iconiche da Expo 2015, il Quarto Stato, esposta al Museo del 900, rimandando all’edizione MIA Fair 2016 il premio dedicato agli archivi degli anni Settanta. Ad essere esposto è un ricco nucleo di stampe fotografiche originali oggi conservato nell’archivio dell’artista, tesoro recentemente oggetto di un’azione di restauro e valorizzazione. La mostra testimonia da un lato la multidisciplinarietà e curiosità dell’autore del Quarto Stato, dall’altro la duplice natura della fotografia: strumento per l’arte quando non arte essa stessa.
LA PERFORMANCE – Debutta in Italia, nella cornice di MIA Fair, il progetto Economic Body: performance ideata e condotta dalla coreografa svedese Anna-mi Fredriksson per la Fluxum Foundation di Ginevra. In scena un originale tentativo di raccontare le scienze sociali attraverso forme di arte partecipata, come la danza, nella creazione di un linguaggio non verbale che coinvolga il pubblico nella condivisione di concetti legati all’economia, alla politica, alla demografia. Temi spesso percepiti come ostici, addirittura impenetrabili per il grande pubblico: resi fruibili e immediati grazie alla freschezza dell’arte.

– MIA Fair continua a guardare al futuro attraverso il progetto CODICE MIA, ideato da Enrica Viganò come originalissima forma di portfolio review. Gli artisti selezionati dalla fiera avranno l’opportunità di discutere i propri lavori con:  

Joe Baio
, collezionista, New York, USA
Katy Barron, art advisor e curatrice, Londra, UK
Paolo Brodbeck, collezionista e presidente della Fondazione Brodbeck, Catania, Italia
Thierry Cattoir, collezionista, Ghent, Belgio
Giorgio Fasol, collezionista, Verona, Italia
Chiara Massimello, consulente Christie's e collezionista, Torino, Italia
Anthony E. Nicholas, collezionista, Los Angeles, USA
Claudio Palmigiano, collezionista, Milano, Italia
Dan Solomon, collezionista, Monarch Beach, USA
Sofia Vollmer de Maduro, collezionista e direttore della Fondazione Alberto Vollmer, Caracas, Venezuela

Tra tutti gli artisti che parteciperanno alle sessioni di confronto e discussione ne verrà scelto uno, premiato con la possibilità di esporre il proprio lavoro nella sezione Proposta MIA di MIA Fair 2016.

La manifestazione, col patrocinio della Regione Lombardia, della Città Metropolitana di Milano e del Comune di Milano, può contare sul supporto dei main sponsor BNL Gruppo BNP Paribas e Lavazza e degli sponsor Eberhard & Co. e Nikon.

Milano, febbraio 2015

MIA – Milan Image Art Fair
Venerdì 10 Aprile: Opening (su Invito) 
Sabato 11 Aprile: 11.00 – 21.00
Domenica 12 Aprile: 11.00 – 20.00
Lunedì 13 Aprile: 11.00 – 19.00

The Mall -  Porta Nuova Varesine
Piazza Lina Bo Bardi 1, Milano
Viale della Liberazione / ang. Via Galileo Galilei
Linea Gialla M3 Repubblica

Segreteria Organizzativa MIA Fair
Via San Vincenzo 22 – 20123 Milano
Tel. / Fax +39 02 83241412

Ufficio Stampa
CLP Relazioni Pubbliche – Francesco Sala, tel. +39 02 36755700


01 April 2015

PERSPECTIVES 1: ARTISTS IN THE MATASCI COLLECTION / Edmondo Dobrzanski, Ennio Morlotti, Varlin (Willy Guggenheim) / 30 May - 9 August 2015

Scorri verso il basso per la versione in italiano

Edmondo Dobrzanski, Ennio Morlotti, Varlin (Willy Guggenheim)

Vernissage: Saturday 30 May 2015 from 5.30 p.m.

30 May – 9 August 2015
Fri-Sat-Sun from 2.00 to 6.00 p.m.

Varlin (Willy Guggenheim, 1900-1977), Livia, 1955. Matasci Art Collection, Switzerland.

PERSPECTIVES 1: ARTISTS IN THE MATASCI COLLECTION is an exhibition whose purpose is to pay tribute to the art collector Mario Matasci, from Tenero, in Switzerland.

In recent years, the MACT/CACT Contemporary Art in Canton Ticino has striven to keep pace with the changes taking place in cultural policy developments on the southern side of the Alps, regularly tackling the issue of primarily private collecting. In an age when the art market is clearly experiencing a speculative bubble and public museums are encountering enormous difficulties in maintaining their defined role as the Lighthouses of Art, as well as in achieving a more appropriately acute new identity as Museums, never has private collecting been more of a key element in a co-ordinated network between the different public cultural poles, which essentially and in principle retain responsibility for addressing the conservation of our historical cultural heritage and using didactic mechanisms to disseminate it. What approaches should be used, in the framework of this process of change, to reconfigure temporary exhibitions that aim at generating new knowledge and understanding new trends in the field of art, so as to offer them to the museum-going public as a means of intellectual improvement? Private collecting has an enormous responsibility and a significant impact on the amount of works that are acquired, whose high quality is guaranteed by dedication, time, consistency, the love of art and the buying choices made, all qualities that are not always discernible in the system of public institutions.

Ennio Morlotti (1910-1992), Maternità, 1946.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Mario Matasci is one of a handful of collectors in Ticino whose story is worth telling and retelling through the medium of an exhibition. His enthusiasm for art started relatively early in life, as he started collecting works and then piecing together a systematic collection and archive to reflect his personal taste and visions. In the process, he mostly followed his own heart and instinct, using them to create a collection that can be described as ‘twin-headed’. Mario Matasci lives in the lands around Locarno on the shores of Lake Maggiore, where some extremely important European artistic trends had taken root from the late nineteenth century to the 1950s, with a special focus on Ascona’s Monte Verità.

Edmondo Dobrzanski (1914-1997), Il cameriere, 1953.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Apart from the presence of a few nineteenth-century artists – in particular Filippo Franzoni, fully entitled to be numbered among the exponents of the “Lombard” and “Scapigliato” fin-de-siècle that also developed up at these slightly higher latitudes – and its metastases, Matasci seems to have analysed and concentrated on the historical identities to be found in Ticino, a land that is naturally twin-headed, because of its inability to subscribe completely to a Swiss identity, while at the same time – and not without a degree of difficulty – feeling part of Italian culture. And yet Ticino, a land of artists who are “foreign” (because they hold foreign passports) and/or “estranged”, witnesses (now as in the past) more or less consciously and impotently the osmotic through-traffic of the great names of the visual arts, of literature and of the social sciences of Mitteleuropa. The province has managed to snare very little of all this in its web as it passes through. Many have arrived in Ticino and most have left again, without this avaricious land apparently noticing. Something has remained, however, yet much has been forgotten.

Varlin (Willy Guggenheim, 1900-1977), Sala d'attesa alla funicolare Signal di Losanna, 1944.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Mario Matasci is a humble historian also in this sense and it is actually here that we find his farsightedness, the skill that has enabled him to perceive and interpret better than so many others the sometimes embarrassing paradox that still makes this land so evanescent, with its scanty native vocation for culture, and that – as luck would have it – has found itself in the very heart of Europe. This explains why his collection features one section of works coming from an Italian-speaking cultural background and another whose roots go deep into the gloomy Expressionism of the north that has influenced us so strongly, for better or worse.

The MACT/CACT has chosen works by three artists in the collection to show on this occasion: Ennio Morlotti (1910-1992), Varlin (Willy Guggenheim) (1900-1977), almost as though to show that it was possible to appropriate the opposites from north and south, and one artist whose ancestors came from Russia (now Poland)Edmondo Dobrzanski (1914-1997).

Mario Casanova, 2014 [translation Pete Kercher]

Ennio Morlotti (1910-1992), Adda, 1956. Matasci Art Collection, Switzerland.

Edmondo Dobrzanski, Ennio Morlotti, Varlin (Willy Guggenheim)

Vernissage Sabato 30 maggio 2015 dalle 17:30

30 maggio – 9 agosto 2015
Ve-sa-do dalle 14:00 alle 18:00

Edmondo Dobrzanski (1914-1997), Carla, 1958.
Matasci Art Collection, Switzerland.

ANGOLAZIONI 1. ARTISTI DELLA COLLEZIONE D’ARTE MATASCI è un’esposizione che intende omaggiare il collezionista d’arte Mario Matasci di Tenero, Svizzera.

Negli ultimi anni il MACT/CACT Arte Contemporanea Ticino, in ossequio ai cambiamenti in atto per quanto attiene allo sviluppo della politica culturale a sud delle Alpi, affronta regolarmente il tema del collezionismo prevalentemente privato. In un’epoca in cui la bolla speculativa del mercato dell’arte è conclamata e la difficoltà delle istituzioni museali pubbliche di definirsi Faro dell’Arte, così come di meglio acutizzare una nuova identità del Museo, mai come ora il collezionismo privato ridiventa elemento chiave per l’esistenza di una rete coordinata dei differenti poli culturali pubblici, la cui responsabilità rimane fondamentalmente e principalmente quella di rivolgersi alla conservazione del patrimonio storico e alla sua diffusione attraverso meccanismi didattici. Come riconfigurare, all’interno di questo processo di cambiamento, le attività espositive temporanee mirate alle acquisizioni di nuove conoscenze e tendenze in campo artistico da offrire alla crescita intellettuale del pubblico? Il collezionismo privato ha una forte responsabilità e un notevole impatto circa la mole di opere acquistate, la cui alta qualità è garantita dalla dedizione, dal tempo, da coerenza e amore per l’arte e le scelte d’acquisto; qualità, queste, che non sempre sono ordinate nel sistema istituzionale pubblico.

Varlin (Willy Guggenheim, 1900-1977), Wolz al biliardo, 1944.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Mario Matasci è uno dei pochi collezionisti in Ticino con una Storia che vale la pena di essere evidenziata attraverso una mostra. Egli si appassiona relativamente presto all’arte, iniziando a raccogliere opere e in seguito a collezionare e schedare sistematicamente il suo gusto e le sue visioni personali. Lo fa seguendo prevalentemente il cuore e l’intuito, con i quali crea una collezione che definiremmo ‘bicefala’. Mario Matasci vive nelle terre attorno al locarnese e al Lago Maggiore, dove dal tardo Ottocento fino agli anni Cinquanta del Novecento si erano radicate correnti artistico-culturali europee estremamente importanti, di cui ricordiamo soprattutto il Monte Verità di Ascona.

Al di là della presenza di alcuni autori dell’Ottocento – in particolare Filippo Franzoni, esponente a pieno titolo di quella ‘fin de siècle’ lombarda e ‘scapigliata’ sviluppatasi anche a queste latitudini – e delle sue metastasi, Matasci sembra analizzare e concentrarsi sulle identità storiche del Ticino, una terra che è naturalmente bicefala per la sua incapacità di fare propria l’identità Elvetica, pur sentendosi contemporaneamente e non senza difficoltà di cultura italiana. Eppure, il Ticino, terra d’artisti ‘stranieri’ (di passaporto) e/o ‘straniati’, è (stato) testimone più o meno consapevole e impotente di fronte al transito osmotico di grandi nomi della Mitteleuropa dell’arte visiva, del collezionismo d’arte, della letteratura e delle scienze sociali. Poco è riuscito a fermarsi nelle trame del setaccio di questa provincia. Molti sono approdati in Ticino, tanti sono ripartiti senza che questa terra avara se ne fosse apparentemente accorta. Qualcosa è rimasto, molto è dimenticato.

Edmondo Dobrzanski (1914-1997), Paesaggio sull'autostrada, 1962.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Mario Matasci è un umile interprete della Storia anche in questo senso e proprio in questo aspetto risiede la sua lungimiranza: cioè la sua capacità di avere meglio di altri percepito e letto il talvolta imbarazzante paradosso che ancora rende labile questa terra a scarsa vocazione culturale indigena, e che – per felice fatalità – fu al centro dell’Europa. Ecco, quindi, che la sua collezione presenta una parte di opere culturalmente italofona, e un’altra che affonda, invece, le sue radici nel cupo Espressionismo del Nord e di cui siamo giocoforza intrisi.

Gli artisti che il MACT/CACT ha selezionato dalla collezione Mario Matasci sono tre: Ennio Morlotti (1910-1992), Varlin (Willy Guggenheim) (1900-1977), quasi a testimoniare un’appropriazione degli opposti tra nord e sud, e un autore, le cui antiche origini sono russe (oggi polacche), come Edmondo Dobrzanski (1914-1997).

Mario Casanova, 2014

Ennio Morlotti (1910-1992), Paesaggio, 1957.
Matasci Art Collection, Switzerland.

Guided Tour, Highschool Bellinzona, Prof. Sara Foletti and collector Mario Matasci. Wednesday 27th of May, 2015.
Ph. Pier Giorgio De Pinto © PRO LITTERIS Zürich

Some visuals before the opening
Ph. Pier Giorgio De Pinto © PRO LITTERIS Zürich

Guided Tour: ASI Associazione Amici Svizzera-Israele, sezione Ticino. Wednesday 24th of June 2015.
Ph. Pier Giorgio De Pinto © PRO LITTERIS Zürich

Selezione di foto dell'esposizione / Selection of photos of the exhibition
Ph. Pier Giorgio De Pinto © PRO LITTERIS Zürich

MACT/CACT Suisse enjoys the financial and cultural support of Republic and Canton of Ticino/Swisslos, City of Bellinzona, Friends of MACT/CACT, the Artists. Special thanks are due to Mario Matasci of the Matasci Art Collection for the loan of works that made this exhibition possible. 

MACT/CACT Arte Contemporanea Ticino è sostenuto finanziariamente e culturalmente da Repubblica e Cantone del Ticino/Swisslos, Città di Bellinzona, Amici del MACT/CACT, gli Artisti. Un particolare ringraziamento va a Mario Matasci della Collezione d’Arte Matasci per aver reso possibile la realizzazione di questa mostra con il prestito delle opere.